Fiorucci, quando la moda è maliziosamente iconoclasta